02/03/2010 - 6 Marzo 2010 – A voce alta

Autore: triveneto

A voce alta
Il 6 marzo in tutta Europa si celebra la Giornata della Logopedia, indetta dal Comité Permanent de Liaison des Orthophonistes-Logopèdes de l’Union Europeénne (CPLOL) per diffondere tra i cittadini conoscenze ed informazioni sui disturbi della comunicazione e la loro prevenzione. Il tema di quest’anno è dedicato ai disturbi della Voce ambito in cui i logopedisti sono i professionisti qualificati e certificati ad effettuare prevenzione, valutazione, riabilitazione e counselling.

In occasione della Giornata Europea della Logopedia, sarà possibile consultare e scaricare dal sito web della Federazione Logopedisti Italiani www.fli.it articoli e depliantes che illustrano le regole per prevenire i Disturbi della Voce e mantenere una voce sana, elemento chiave per una buona comunicazione.

VOCE E COMUNICAZIONE
L’interazione comunicativa viene arricchita dalla VOCE che veicola sia informazioni di tipo linguistico che para ed extralinguistico (per es. lo stato emotivo del nostro interlocutore, il suo ruolo sociale, la caratterizzazione sessuale, ecc.).
Quanto compromettiamo la nostra comunicazione e il nostro modo di essere se trascuriamo la SALUTE VOCALE?

SALUTE VOCALE
Qualora si siano instaurati dei disturbi vocali, è importante una DIAGNOSI PRECOCE: bisogna consultare il medico specialista (Foniatra, Otorinolaringoiatra) e con semplici esami è possibile avere un’obiettività laringea e un’analisi del segnale vocale. Non bisogna dimenticare che alcuni disturbi vocali che perdurano oltre un certo periodo possono essere il segnale di un carcinoma laringeo!
Attualmente oltre ai disturbi della VOCE PARLATA (disfonie) la Logopedia tratta anche i disturbi della VOCE ARTISTICA (disodie) che possono interessare i cantanti, gli attori o altri professionisti del mondo dello spettacolo.

VOCE E LOGOPEDIA
La VALUTAZIONE LOGOPEDICA consente poi di integrare le informazioni mediche: attraverso un’indagine della COMPETENZA VOCALE e COMUNICATIVA. L’osservazione, la registrazione e l’analisi dell’emissione fonatoria sono gli strumenti a disposizione del Logopedista. In conclusione viene tracciato un PROFILO VOCALE in base al quale verrà stabilito un PROGRAMMA RIABILITATIVO.
Il programma terapeutico sarà sempre individualizzato in coerenza con il principio dell’OMS secondo il quale l’individuo è un’unità bio-psico-sociale.
Attraverso la tecnica vocale e la discussione delle regole di igiene vocale, il Logopedista propone al paziente un training di autoconsapevolezza e autogestione del COMPORTAMENTO VOCALE e COMUNICATIVO più efficace per la sua situazione socio-professionale.

Un trattamento logopedico consente di migliorare la qualità vocale, ridurre l’affaticamento fonatorio, aumentare la resistenza vocale all’abuso, mantenere la performance vocale ad un livello accettabile e ridurre i rischi da malattia professionale.

 il materiale pubblicato è scaricabile solo dai soci alla sezione download del portale FLI

Tag:
129 queries in 0.646 seconds.